Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

Rassegna "Donne che fanno storie", ultimo incontro sulla Resistenza al femminile

Giovedì 23 maggio, alla Biblioteca Benincasa di Ancona, l'ultimo appuntamento della rassegna, promossa da Reti Culturali, per raccontare le donne che hanno contribuito a fare la storia: focus sulla Resistenza delle donne, con l'intervento delle storiche Anna Paola Moretti e Lidia Pupilli

ANCONA - A fianco dei grandi eventi e degli uomini eroi, la narrazione storica è fatta anche della vita e le imprese delle donne, ma il loro contributo è stato a lungo omesso dalle cronache ufficiali ed è ancora poco conosciuto. É proprio per colmare questa lacuna che l'associazione Reti culturali di Ancona ha promosso l'interessante rassegna "Donne che fanno storie", arrivata a conclusione, con l'ultimo incontro (partecipazione aperta a tutti e gratuita) in programma giovedì 23 maggio alle ore 18, nella sala conferenze della biblioteca Benincasa (ingresso da piazza del Plebiscito).
Questo terzo appuntamento s'intitola "Donne che resistono" e vedrà gli interventi di due studiose: Anna Paola Moretti dell'Istituto di Storia di Pesaro, autrice del libro "Considerate che avevo quindici anni. Il diario di prigionia di Magda Minciotti tra Resistenza e deportazione" (Affinità Elettive, 2017) che presenterà appunto la storia di resilienza della giovanissima partigiana marchigiana, arrestata nel 1944 e deportata in Germania per lavoro coatto; e la storica Lidia Pupilli, direttrice scientifica dell'Associazione Storia Contemporanea, che interverrà invece sul tema "Resistenza delle donne, la resistenza taciuta".
La rassegna è realizzata in collaborazione con Biblioteca comunale "L.Benincasa", Associazione Storia Contemporanea e Terzavia, con il patrocinio di Comune di Ancona, Commissione regionale Pari opportunità e il sostegno di Coop Alleanza 3.0 e CSV Marche (Centro servizi per il volontariato).

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui