Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

Persone scomparse e sottrazione di minori, conferenza con Penelope Marche onlus

Sabato 23 marzo alle 11,30 alla biblioteca Sassi di Fabriano si parlerà di persone scomparse, in particolare riferimento ai casi di sottrazione di minori, con esperti legali dell'associazione Penelope e testimonianze

FABRIANO (An) – Persone scomparse e sottrazione di minori. É il tema della conferenza promossa dall'Associazione Penelope Marche (Associazione territoriale delle famiglie e degli amici delle persone scomparse), in programma sabato 23 marzo, dalle 11,30 alle 13, nella sala Pilati della Biblioteca Multimediale "Romualdo Sassi" a Fabriano, con il patrocinio dell'Amministrazione comunale.
Su iniziativa della onlus, che anche nella nostra regione sostiene e affianca i familiari delle persone scomparse nell'angosciosa ricerca dei loro cari, si torna a parlare di persone di cui si perdono le tracce, stavolta con un focus dedicato ai casi di minori scomparsi, in quanto sottratti da un genitore all'altro, anche in contesti internazionali. Nell'occasione, si illustreranno i dati delle persone scomparse a livello nazionale e regionale.
Ad intervenire saranno Giorgia Isidori, presidente dell'associazione Penelope Marche onlus e sorella di Sergio Isidori scomparso nel 1979, Marinella Colombo, membro della European Press Federation e autrice dei libri "Non vi lascerò soli" e "La tutela oltre la frontiera", l'Avv. Federica Guarrella, legale dell'associazione Penelope e Emilio Vincioni, papà vittima di sottrazione internazionale di minore.
La conferenza è rivolta in primis ai giornalisti, alle forze dell'Ordine, alle famiglie, ai
rappresentanti delle Istituzioni, alle associazioni di categoria. Per partecipare, inviare la propria adesione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui