Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

"Il mito di Faust oggi", nuovo incontro culturale con Speciale donna

Nuovo appuntamento culturale dell'associazione Speciale Donna, stavolta dedicato a letteratura e filosofia, giovedì 22 febbraio alle ore 17,15 nella sala Rossa del Comune di Pesaro: il prof. Giorgio Benelli rileggerà il mito del Faust oggi

PESARO – Nuovo appuntamento culturale, stavolta con letteratura e filosofia, promosso dal Gruppo Speciale Donna di Pesaro: "Ripensando il mito di Faust oggi" è il titolo dell'incontro in programma giovedì 22 febbraio alle ore 17,15 nella sala Rossa del Comune di Pesaro, con l'intervento del prof. Giorgio Benelli.

La dissertazione verterà sulla figura di Faust, il mito letterario reso celebre e impresso nell'immaginario collettivo dall'omonima e più famosa opera dello scrittore tedesco Johann Wolfgang von Goethe: un poema drammatico, scritto tra il 1773 ed il 1832, in cui Goethe racconta del patto tra Faust e Mefistofele (il demonio), in cui il protagonista vende la propria anima al diavolo in cambio di sapienza e potere. Un dramma, quello del Faust, che ha avuto nella letteratura e nell'arte un enorme successo, che con l'aiuto del relatore si cercherà di rileggere in chiave contemporanea.

Giorgio Benelli, laureato in Filosofia presso l'Università di Padova, si è in particolar modo interessato di temi filosofici contemporanei presso gli atenei di Padova, Bologna e Urbino, nella cui sede ha anche prestato, per alcuni anni, la propria collaborazione didattica. Ha insegnato Storia e filosofia presso il Liceo classico di Pesaro e si è dedicato ai problemi di fenomenologia della religione, pubblicando tra l'altro "Mondo, essere e nulla. Le radici filosofiche della spiritualità agostiniana" (Città Nuova 2007). Negli ultimi anni, insieme a Antonio Brancati, ha curato due volumi dedicati alla personalità storico-politica di Terenzio Mamiani.

L'incontro, promosso con la collaborazione del CSV Marche, è gratuito e aperto alla cittadinanza.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui