Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

Riforma Terzo Settore, il testo ufficiale in Gazzetta

Da Vita.it: è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il testo della "Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale". Per l'approvazione dei decreti governativi ci sarà tempo sino al 18 maggio dell'anno prossimo (con possibile proroga al 2 luglio), ma alcuni di loro potrebbero venir licenziati già nei prossimi mesi


ROMA - Sabato 18 giugno è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.141 il testo della "Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale" che potete trovare in allegato. Come specificato si tratta di una legge delega, che per diventare operativa ha quindi bisogno dei decreti governativi di cui si occuperà il governo e in particolare il sottosegretario al Welfare Luigi Bobba.

E allora quando la riforma sarà davvero completa? A fare i conti ci aiuta il nostro esperto Carlo Mazzini. Il sito della Gazzetta Ufficiale specifica che la legge 6 giugno 2016, n.106 entra in vigore il prossimo 3 luglio. Ragiona Mazzini: «Dobbiamo anche farci un'altra domanda: entro quando dovranno essere approvati i decreti delegati dal Consiglio dei Ministri? Qui il calcolo si fa un po' più complesso. La delega è a tempo, 12 mesi dall'entrata in vigore della presente legge, quindi entro il 2 luglio 2017. Ma il Governo deve adottare i decreti e presentarli entro 45 giorni prima della data di scadenza del tempo. Quindi, andando a ritroso, si arriva al 18 maggio 2017».

Conclude Mazzini: «Nel caso il Governo si accorgesse di non farcela, il Parlamento potrà inserire una proroga del termine ultimo (2 luglio 2017). È già successo». Un'ultima notazione. Ogni decreto legislativo può viaggiare con una sua specifica tempistica, non devono quindi essere licenziati tutti nello stesso momento. Se quindi i decreti per esempio su impresa sociale e/o servizio civile universale fossero pronti già in autunno, nulla vieterebbe la loro entrata in vigore anticipata rispetto per esempio ai decreti su fiscalità o registro unico.

Fonte: Vita non profit

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui