Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

Donacibo, la raccolta solidale fa tappa in altre scuole

logo_donaciboLa "Settimana del Donacibo" continua nelle scuole di Amandola, Montefortino e Comunanza, promossa dalle associazioni Centro di Solidarietà Monti Sibillini e Club Amici del Banco Alimentare Marche Sud, con la collaborazione del CSV: studenti e piccoli alunni coinvolti in prima persona in un percorso educativo e di solidarietà

PORTO SAN GIORGIO (Fm) – Il “Donacibo”, la raccolta solidale di generi alimentari che vede protagonista il mondo della scuola, fa tappa in questi giorni negli istituti scolastici di Amandola, Montefortino, Comunanza e Porto San Giorgio (scuola Nardi e scuola infanzia San Gaetano). L’iniziativa, che è in corso fino a sabato 23 marzo, è promossa dalle associazioni di volontariato Centro di Solidarietà Monti Sibillini e Club Amici del Banco Alimentare Marche Sud, nell’ambito del progetto “Giovani energie nel fermano” sostenuto dal CSV Marche in collaborazione con gli Ambiti Sociali XIX e XX, con lo scopo di educare alla solidarietà, donando tempo ed energie nell'incontrare il bisogno dell’altro e sperimentando un gesto semplice di gratuità.

Nelle scorse settimane, la raccolta è già stata effettuata in alcune scuole di Fermo (dove è tutt’ora in corso presso la scuola dell’infanzia “Bambin Gesù”), Montegranaro, Monte San Pietrangeli, Salvano, Falerone e Massa Fermana, per un totale di ben 66 classi coinvolte su 15 scuole diverse, dall’infanzia alle superiori.

Il percorso vede impegnati i volontari delle associazioni e gli insegnanti dapprima in attività di discussione e riflessione in classe sul tema del “dono” e del consumo consapevole, con una particolare attenzione al “non spreco”. Poi l’attività entra nel vivo con la proposta, rivolta ad alunni ed insegnanti, di raccogliere generi alimentari non deperibili da destinare al sostegno di famiglie del territorio in particolare difficoltà. Gli studenti sono invitati in prima persona a donare e aiutati a curare loro stessi la raccolta degli scatoloni, a etichettarli e a preparare disegni o elaborati sull'esperienza. Per i bambini più piccoli il coinvolgimento è avvenuto attraverso canzoni e giochi, per i ragazzi più grandi attraverso lezioni, filmati e dibattito aperto.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui